Octomore ‘06.2’ (2014, OB, 58,2%)

In origine destinato al mercato del Travel Retail, questo Octomore 06.2 esibisce i muscoli dichiarando di essere prodotto a partire da orzo torbato a 167ppm. Ci risparmiamo il solito pippone sul gioco a chi ce l’ha più torbato, sul senso di un’operazione come quella fatta da Bruichladdich, e invece passiamo rapidamente all’assaggio. In questo caso, si tratta di un whisky invecchiato per 5 anni in barili ex-bourbon e di legno francese (ex-Cognac Limousine, se non andiamo errati).

N: che strano… Il profilo è veramente inatteso, colpisce fin dall’inizio con note molto ‘grappose’, di distillato astratto, bianco. Ansalone, che beve con noi, dice che gli ricorda un Hobstler, un distillato di frutta tedesco, e noi, che per pudore non facciamo domande, ci fidiamo. Lievemente marino e molto balsamico. Zucchero bianco. La torba acre, fumosa e vegetale (ricordiamo, il whisky è molto giovane), abbinata a quel lato distillatoso, ci ricorda curiosamente un mezcal.

P: si inizia sulla frutta (sul distillato di frutta), snaps, albicocche, mele e pere… Dev’essere l’apporto dei barili. Ancora molta ‘grappa’, molto dolce, un po’ di castagna bollita. Facendo salva un’affumicatura molto intensa, solo in un secondo momento arriva il sapore di whisky, con una lieve marinità. Con acqua… no. Il distillato di frutta prende assolutamente tutta la scena, e non è una buona notizia, se chiedete a noi: diventa inutilmente dolciastro.

F: qui diventa leggermente pescioso, per il resto rimane un senso di distillato di pera che onestamente con tutta questa torba e questo fumo continua ad avere poco a che fare.

Bisogna riconoscerlo: è un esperimento, più che legittimo e che è stato decisamente approvato dal mercato. Molto bene, niente da dire – e però per noi, in tutta onestà, non è un esperimento riuscito (anche se ad esempio Serge apprezza molto di più). 79/100. Grazie a Davide per il sample.

Sottofondo musicale consigliato: Gozu – Meth Cowboy.

Annunci

Bruichladdich ‘The Laddie’ 8 yo (2015, OB, 50%)

Espressione esclusiva per il Travel Retail (vale a dire che te lo compri solo in aereoporto, e se non viaggi devi stare muto!), il Laddie 8 è l’unica versione di Bruichladdich a riportare l’età dichiarata in etichetta – ma il core range della “distilleria progressiva” è talmente variegato e ricco di espressioni particolarissime e tendenti all’artigianalità che tanto ci piace (i vari vintage della serie Bere Barley e Islay Barley, ad esempio) che proprio non ci sentiamo di stigmatizzarla. Ne abbiamo preso un campione alla Bowmore House, albergo che ci ha ospitato nel nostro ultimo viaggio scozzese.

schermata-2016-10-24-alle-23-36-59N: note esplicite, fin dall’inizio, di malto (lo definiremmo ‘croccante’ solo per il gusto di indispettire i nostri lettori più esigenti), di cereali, di corn flakes magari zuccherati. Si sente che il complesso è giovane, con un lieve sentore di lieviti (suona come un gioco di parole ma è così), di mash tun. Note fruttate anche, soprattutto pere e mele, ed un leggerissimo velo di vaniglia. Il tutto è come racchiuso da una brezza di mare, da un qualche odore di pesce, ma come in lontananza. Una bella salamoia. Biscotti al burro.

P: qui il lato costiero si prende la briga di aprire le danze, con un primo impatto ancora leggermente sapido e piuttosto minerale,  di certo con qualche ricordo di burro e poi di buccia di limone (anzi, del bianco del limone: avete presente?, un po’ amaro…). Poi il lato maltoso e dolce esplode, letteralmente, anche grazie alla gradazione importante: molto vario, va da una bella vaniglia a note fruttate, di pere, mele, anche qualcosa di più caldo – perché ignorare la confettura d’albicocca?

F: lungo e pulito, molto intenso; maltoso, maltosissimo, ancora burro salato.

A noi piacciono tanto i nuovi Laddie, che ci possiamo fare. È pulito ma minerale, è giovane ma esibisce una bella complessità… Si dice sempre che quando si assaggia un whisky in Scozia bisogna stare attenti, perché è sempre più buono di quando lo si riassaggia a casa: questo non è il caso, per fortuna, avanti con un 85/100.

Sottofondo musicale consigliato: Animals as leaders – Aritmophobia.

Octomore 07.2 / 208 (2015, OB, 58,5%)

Nel giorno in cui un nostro amico napoletano si sposa e in cui l’Inter diventa cinese, noi (peraltro reduci dall’addio al celibato del nostro compagno di banco al liceo: e non è un plurale improprio, avevamo un banco ‘da tre’) non possiamo che affogare lo sgomento con qualcosa di estremo: assaggiamo dunque la versione 07.2 di Octomore, la metamorfosi più hardcore tra i torbati di Bruichladdich. Quel 208 nel nome dell’imbottigliamento sta per ppm, quindi vuol dire che è (inutilmente?) torbatissimo – in passato ne abbiamo assaggiati diversi, anche se sul sito è rimasta traccia del solo Comus, e spesso abbiamo registrato come gli eccessi della torba fossero bilanciati da altri eccessi, generalmente della botte… Chissà se quest’ultimo tentativo (5 anni, finito in virgin oak) ci saprà meglio sedurre.

Schermata 2016-06-01 alle 23.56.04N: a 58 gradi e con 208 ppm di torbatura, beh: ci si può pure aspettare una certa ostica chiusura, come primo impatto… E infatti, le prime snasate vanno a sfracellarsi contro un muro che ricorda tanto, a volerlo rappresentare con un’immagine decisamente non necessaria, un pasticcino alla frutta, con la crema pasticciera e, al posto della fragola, un’oliva in salamoia… A parte le nostre stralunate visioni, questo Octo si presenta fin da subito come marinissimo, tra sale e spuma di mare; poi uno smog quasi opprimente, una torba dura e acre; accanto a questo, una punta vinosa e leggermente acidina al limite dell’inchiostro (ci sembra davvero nitido, ma senza la contezza del finish in Syrah, l’avremmo mai percepito? Ah, il demone dell’intelletto…). C’è poi una ‘dolcezza’, appena in seconda fila ma ben presente, che ricorda certi bourbon… Un qualcosa che ricorda il mais, i pop corn?

P: il primo è come entrare sul ring nella finale per il titolo pesi massimi WBO e prendere un pugno in faccia, per errore. Fin da subito, nell’intensità generale, spicca una nota di legno devastante, piena però di sfumature e sfaccettature diverse: liquirizia, anche dolce; inchiostro amaro e allappamenti vinosi a profusione. Tutto intorno, ma sarebbe meglio dire ‘dal di dentro’, il mare, spumoso e in tempesta, che si abbatte con violenza su quel legno; salamoia. La torba sa di smog, proprio, di tubo di scappamento, di plastica bruciata, chimica; se si unisce il tutto, resta un senso di propoli francamente inatteso. L’acqua rende la dolcezza più convenzionale, tra miele delicato, crema pasticciera e vaniglia. Anche un lato balsamico (conifere a go go) molto intenso.

F: leggi il palato e troverai le risposte che cerchi.

Un’ovvietà, forse, con una bestia da quasi sessanta gradi: l’acqua lo rende senza dubbio più approcciabile, più morbido, più – in confidenza – gradevole. Resta tuttavia un whisky estremo, che dividerà: la destra dalla sinistra, i romanisti dai laziali, i fan di Pacciani da quelli di Padre Pio. Noi, cerchiobottisti navigati, lo apprezzeremo senza amarlo: 84/100.

Sottofondo musicale consigliato: Dj 2p feat. Ensi – Don Dada.