Westport 12 yo (2004/2016, Wilson & Morgan, 54,3%)

Westport, chi è costui? Non stiamo parlando di una sconosciutissima distilleria dispersa in qualche valle della Scozia, ma di un marchio usato per imbottigliare quello che tecnicamente potremmo definire come un vatted whisky, ovvero sia una miscela di più single malt. Nel caso del Westport si tratta di fatto di Glenmorangie con una minuscola aggiunta (teaspooning) di Glen Moray, che fino al 2008 apparteneva guarda caso alla più famosa ‘Morangie: nulla accade mai per caso nell’intricata mappa commerciale dello Scotch whisky. La distilleria delle Highlands di proprietà del gruppo francese del lusso Louis Vuitton Moët Hennessey non concede mai a terzi il diritto di imbottigliare barili con il proprio nome in etichetta, ma ha adottato questo metodo oramai da una ventina di anni, il metodo del segreto di Pulcinella, diremmo noi. In Italia il nostro imbottigliatore Wilson & Morgan è già al quarto imbottigliamento e questo dodicenne invecchiato in uno sherry butt è l’ultimo nato.

357N: molto aromatico ed aperto, l’alcol si sente appena. Molto fruttato: ci coglie subito una suggestione generale di torta alle mele appena sfornata… Pesche sciroppate, prugne secche; pere. Brioche con marmellata di frutta; un misto di frutta cotta raffreddata (le solite mele uvette e prugne). Leggermente agrumato (soprattutto scorza di arancia), quasi a riferirici una eco di quello stile minerale delle distillerie del nord. Semplice, regolare come profilo, ma non sgarra di un millimetro. Lo sherry c’è, ma educato, non copre lo stile di casa.

P: ottimo impatto, anche qui non si sente praticamente la gradazione. Appare molto caldo e compatto, e al contempo beverino. Riconosciamo tanta brioche all’albicocca, un bel malto caldo, biscottoso (ancora torte appena sfornate); agrumi in aumento rispetto al naso (soprattutto arancia), con ancora quella sfumatura minerale. Miele. Molto pulito, dopo un po’ butta fuori note di cacao, e svela una sobria legnosità.

F: medio lungo, con miele ancora e un senso di brioche.

Ottimo esempio di come Glenmorangie – ehm, no: Westport, pardon – regali sempre all’appassionato delle grandi soddisfazioni. Come talora ci piace dire, è un whisky “che sa di whisky”, ordinato, pulito, senza eccessi, senza punti esclamativi certo, ma senza alcun possibile difetto. Bevibilissimo, rappresenta esattamente quel che per noi deve avere un whisky da 85/100. Ah, lo portate a casa con una settantina di euro.

Sottofondo musicale consigliato: Jula De Palma – A.A.A. Adorabile cercasi

Invergordon 42 yo (1973/2016, Wilson & Morgan, 52%)

Ormai non è più una novità: i prezzi delle botti di single malt salgono costantemente, dunque tanti imbottigliatori indipendenti hanno deciso di aprirsi al grain whisky – considerato meno pregiato perché miscela di cereali meno nobili rispetto all’orzo, il grain ha però una caratteristica che lo rende unico: regge invecchiamenti lunghissimi, anche perché (il segreto sta qui) generalmente questi whisky finivano/finiscono in barili a secondo, terzo, quarto riempimento… Perché già, la sua originale destinazione era dare ciccia ai blended. Dopo questa lezioncina di storia, eccoci a testare uno dei molti Invergordon ultraquarantenni messi sul mercato di recente: refill bourbon cask (#13000000042) selezionato e imbottigliato dall’italianissimo Wilson&Morgan per 221 bottiglie esistenti.

3208_9_1N: naso intenso e compatto. Si distinguono in un primo momento note di caramello bruciacchiato e caramella mou. Diciamo un’eresia se diciamo che a tratti sembra un rye? Questa suggestione ci conduce attraverso una serie di note balsamiche (caramelle miele ed eucalipto) e speziate (pepe). Lucido per legno, frutta secca e buccia d’arancia.

P: davvero esplosivo e con una texture importante. Il palato è infatti molto ‘grasso’, con una sensazione burrosa netta (ancora toffee e miele) e a sorpresa ci sono bombe di frutta tropicale proprio in ingresso: maracuja uber alles. Non sorprende invece il vasto repertorio balsamico, tra l’eucalipto e la menta. Chiudono le spezie: noi sentiamo chiodi di garofano e pepe nero, ma ognuno si senta libero di perdercisi. Nocciole. In realtà c’è anche un’astringenza di fondo che contrasta col resto, che va a complicare ulterioriormente il palato.

F: ancora burro e maracuja a formare un finale lungo e incantevole. Il balsamico dona freschezza e lo speziato profondità e complessità. Un finale che culla e su cui spendere più di un pensiero.

92/100: un grain di questo tipo non capita certo tutti i giorni… Non la solita compattezza dolce fatta di sfumature, ma un whisky dalle tante anime (spezie, tropici, burro, balsamico), tutte molto nette e distinguibili. E costa circa 300€, il che, per un single cask ultraquarantenne di questo livello, non è neppure tanto. Il sommo Giuseppe ha da poco bevuto un sister cask, anche questo evidentemente molto buono… Buona Pasqua!

Sottofondo musicale consigliato: Cat Stevens – Moon Shadow.

Clynelish 18 yo (1997/2015, Wilson & Morgan, 53,3%)

bela-bartok

ciao!, sono Béla Bartok e ti guardo dritto negli occhi

L’anno scorso un imbottigliamento italiano si è preso la medaglia d’argento al premio Best Whisky del Milano Whisky Festival e, qualche mese dopo, pure quella di bronzo ai Malt Maniacs Awards: noi, si sa, ci muoviamo con la rapidità di un bradipo, la reattività di un ippopotamo azzoppato e la tempestività di un pullman dell’ATAC, e arriviamo solo oggi a metterci sopra naso e fauci. Meglio tardi che mai, dice qualcuno, meglio prima che poi, dice quell’altro: in questo tripudio qualunquista ci piace ricordare come il suddetto imbottigliamento altro non sia che un Clynelish diciottenne, selezionato dal trevigiano Wilson & Morgan. La peculiarità è che si tratta di un wine-finish in Tokaji, vino dolce dolcissimo che giunge dalle terre di Béla Bartok – e la speranza è che il risultato sia degno di un quartetto per archi dello stesso. Sì, ce la meniamo di brutto.

retrive_image-phpN: per nulla alcolico. Abbiamo qui anzitutto un cocco grattuggiato a livelli davvero importanti. Ricorda felicemente i cesti natalizi di frutta secca, ma anche la pasticceria marocchina, ricca di miele. Arancia molto matura, albicocche disidratate e cioccolato al latte, noce di pecan. La dolcezza è imponente e ricorda quella dei bourbon ma abbiamo comunque la complessità di uno Scotch. Certo l’anima di Clynelish è qui trasfigurata, con poca o nessuna mineralità, ma questa nuova creatura non è niente male. Noce moscata.

P: ripartiamo da un cocco devastante, sia secco che in pasticceria, e dall’arancia matura. Inoltre, sempre in grande coerenza col naso, tornano la noce di pecan e le albicocche disidratate e in confettura. La dolcezza liquorosa del Tokaji è devastante. Poi però arriva quello che non ti aspetti: da tutto questo concerto di leccornie emerge una nota torbata, ostinatamente minerale, che riconosciamo come una strenua testimonianza dell’anima del distillato. E forse è proprio questo guizzo a riequilibrare il tutto, a rendere sostenibile un dram comunque molto particolare.

F: arancia matura e albicocca, marmellata di fragole. Una dolcezza ancora ‘bourbonosa’ ma di nuovo smussata da una suggestione torbata. Molto particolare.

Pur essendo estremo non ha veri difetti, anzi: l’esperimento è senz’altro al limite, e se non avessimo saputo che di Clynelish si tratta mai avremmo saputo indovinarlo – e però l’esperimento è pienamente riuscito, se è vero che ce lo siamo bevuti con grande, grande soddisfazione. Non è forse un daily dram, ma ha note intense ed uniche la cui condanna proprio non sapremmo formulare: 89/100 è il verdetto per un whisky eccellente.

Sottofondo musicale consigliato: Béla Bartok – String Quartet n.5.

The “Artigiano in Fiera” files: Glen Elgin, Glenrothes, Arran

schermata-2016-12-13-alle-11-37-31La settimana scorsa uno di noi ha passato le sue giornate all’Artigiano in Fiera, lavorando per il Milano Whisky Festival: tra un’acciuga e una cornamusa, tra una fetta di pata negra e una chiacchiera, l’occasione è stata ghiotta per assaggiare qualche whisky qui e là. Niente recensioni vere e proprie, solo qualche ‘sentenza’ degna dei peggiori “Piove whisky”; e grazie ad Andrea e Giuseppe, ovviamente!

93796093_glenelginmwfbmGlen Elgin 2003 (2016, Gordon&MacPhail for MWF, 50%)
Molto fruttato e noccioloso, punge sulle prime ma con un goccio d’acqua si apre quasi fino alla frutta tropicale. Intense note di cereale, caldo (pasticcini, brioscia). Molto molto buono. 87/100

nav1Glenrothes 2006/2016 (Wilson&Morgan, 48%)
Una lieve nota sulfurea accoglie sia al naso che al palato; il carattere nocciolato del whisky di Glenrothes è ben presente, ma il grado alto rende il tutto molto più persuasivo rispetto agli OB: fidatevi degli indie! 86/100

23903100_arranmwfArran 6yo (2008/2014, OB for MWF, 59,8%)
Che sorpresa, che bontà: avevamo già assaggiato questo single cask in sherry di soli sei anni, che ha già la maturità di un quindicenne – almeno. Si conferma un capolavoro assoluto, impressionante intensità: delizioso e gli diamo un punticino in più rispetto al vecchio assaggio: 89/100

 

Sottofondo musicale consigliato: Liv – Wings of Love.

Home Blend 35 yo – cask #26 (1980/2015, Wilson & Morgan, 47,6%)

Per festeggiare la vittoria del Portogallo (meglio dire: per festeggiare la sconfitta dei francesi, scusateci francesi ma sapete com’è, siete francesi) – si diceva, per festeggiare quel che abbiamo da festeggiare abbiamo deciso di proseguire sulla strada dei blended, scegliendone uno extra-lusso: si tratta dell’Home Blend di Wilson&Morgan, 35 anni, che l’italianissimo imbottigliatore ci presenta cosìFor years we dreamed of a perfect old blend which could bring back memories of the luxurious and slightly decadent whiskies of forgotten times. A blend which would have been served in an exclusive club, or in the homes of the wealthy. […] The result is as close as possible to the aged blends of decades ago, when blended Scotch was king and not an ingredient for mixing. Non siamo sicuri su quanto di preciso, ma di certo per qualche tempo il blend è stato finito in una botte ex-sherry.

Schermata 2016-06-21 alle 19.04.01N: naso ricco, mi ci ficco: molto aperto, mostra fin da subito un profilo molto importante, maturo e sfaccettato. Riesce a ricordare sia sontuosi frutti succosi (pesche, anche sciroppate) che frutta disidratata molto zuccherina, quasi appiccicosa (datteri, mele caramellate, fichi secchi, uvetta). E quelle barrette di cereali al miele, non le vogliamo nominare? Nominiamole, dai. Ci sono anche profonde note di tabacco, sia il tabacco da pipa che quello aromatizzato da narghilè… Il tutto perfettamente amalgamato in un contesto davvero vivo, con l’invecchiamento monstre che si manifesta, dopo un po’ d’ossigenazione, grazie a particolari e graziose note di erbe aromatiche (qualcuno ha evocato un vermouthino?).

P: il corpo è pieno ma molto beverino; complessivamente si può dire che mantiene quel che prometteva al naso solo in parte… Esibisce infatti una bella marmellata di arance amare, che ci fa realizzare come il profilo rispetto al naso tenda a farsi più ‘scuro’, più ‘amaro’, più vecchio e più influenzato dal legno: ci sono note di tannini più evidenti, che – in grande equilibrio col resto – ricordano che al trascorrere del tempo si deve del rispetto. Meno fresco che al naso, non perde del tutto quelle note zuccherine e fruttate che riassumiamo con: fichi e datteri, mela rossa. Ancora un cenno di tabacco. Cioccolato.

F: piuttosto lungo, inizia sulla dolcezza zuccherosa e di frutta secca e prosegue sulle suggestioni più erbacee.

Veramente ben confezionato, piacevole e pericolosamente beverino: il passaggio finale in una sherry cask col valore di marriage tun permette al profilo complessivo di unire sia la rispettanda profondità di un whisky molto invecchiato ad una splendida freschezza, viva soprattutto al naso. Bene, benissimo: 88/100.

Sottofondo musicale consigliato: Eugenio Finardi – Diesel.

Caol Ila 25 yo (Wilson & Morgan, 1990/2015, 54,3%)

Quest’anno Wilson&Morgan ha sbancato la decima edizione del Milano Whisky Festival, posizionandosi sui primi due gradini del podio che ogni anno premia i whisky più convincenti in sala; i malti sono provati alla cieca, con grande sprezzo del pericolo, da alcuni nasi e palati per così dire allenati. La medaglia d’argento è andata a un Clynelish 18 anni finito in una botte ex Tokaji (per la gioia dei tradizionalisti), mentre l’oro l’ha cannibalizzato questo Caol Ila con un quarto di secolo sulle spalle. Non si tratta di un vero e proprio single cask, ma di un vatting dei barili numero 4707 e 4708, che hanno fatto un’extra maturazione di cinque anni in ex sherry oloroso. Ah, come se non bastasse, questo whisky si è portato a casa anche la medaglia d’oro ai Malt Maniac Awards dell’anno scorso. Respect!

retrive_imageN: si presenta molto molto aperto e con una grande personalità. Il lungo finish in sherry, abbinato alla torba, pare aver donato un lato ancora più ‘sporco’, tra l’arancia rossa troppo matura, la salamoia, la polvere da sparo; insomma, una parte sulfurea, oltre che isolonamente medicinale e torbosamente minerale. Per quel che riguarda l’affumicatura, di per sè è relativamente ‘debole’ ma catramosa, con quella nota di inchiostro tipica di Caol Ila. Ma veniamo alle delizie dolciarie: prendono forma suggestioni di tarte tatin, quasi di chiacchiere fritte; confettura di pesche, di fragole; un po’ di liquirizia e di menta balsamica a chiudere un naso di straordinario equilibrio: i due lati sono davvero intensi e ben integrati, alternandosi in un passo a due sotto le narici del fortunato degustatore.

P: nell’avvicendarsi di prima tra note ‘sporche’ e dolci, qui prevalgono le seconde, anche se rimane quella stessa vorticosa alternanza. C’è una dolcezza che replica i descrittori del naso (quindi marmellata d’arancia e confettura di pesca, tarte tatin, tanti agrumi) e poi però qui è ulteriormente ispessita da una base permanente di vaniglia elegante e miele. In aumento il fumo e una torba acre, che si fanno rispettare di più, con il corollario di note mentolate. Regge splendidamente l’acqua e ci si può giocare all’infinito.

F: qui domina il fumo pesante, bruciato, quasi pepato; poi arancia e confettura di pesca a go go.

A volte nel nostro amato Paese all’incontrario i meritevoli vengono snobbati, scavalcati impunemente da chi di pregi non ne ha. La giuria del Milano Whisky Festival in questo caso invece è andata diritta al punto: se un whisky si presenta con una personalità così intrigante e variegata ma al contempo risulta beverino e non pacchiano, beh come si fa a non nominarlo Presidente della Repubblica a vita! Ops, forse ci siamo lasciati andare un tantinello, rischiando anche l’incriminazione per associazione sovversiva dell’ordine democratico. Però un 91/100 non glielo leva nessuno.

Sottofondo musicale consigliato: Duke Ellington and John ColtraneIn a sentimental mood

Ben Nevis 18 yo (1996, Wilson & Morgan, 57,4%)

Come promesso pochi giorni fa, a un sorprendente Ben Nevis imbottigliato da Valinch & Mallet ne accostiamo uno dalle caratteristiche d’etichetta molto simili. L’invecchiamento anche qui è di quelli che cominciano a dirsi importanti e poi trattasi di maturazione in ex sherry cask, di questi tempi quasi una rarità, al punto che che Wilson & Morgan ha pensato bene di creare una serie ad hoc, contraddisinta dal bollino “matured in sherry wood” ben in evidenza sulla bottiglia. Insomma, roba che scotta.

Ben_Nevis_18Yo_574-BN: l’alcol è pazzescamente poco in evidenza ma come spesso usa con Ben Nevis bisogna esser pronti ad aromi forti, contundenti. E qui non mancano, con una dominanza di note di carne, di soffritto, di funghi cotti. Ci sono quasi cenni sulfurei, ruginosi. Dopo un po’ di ossigenazione però questo lato si affievolisce (o il naso si abitua) ed esce un profilo shierried caldo, profondo e ‘cotto’: carruba, frutta cotta (prugne e mele); marmellata d’arancia in cottura e ancora un tourbillon di delizie: miele, caramello, cioccolato, fichi secchi e datteri. C’è anche una terza fase, con frutta rossa in crescita (fragole e lamponi) e mela rossa a pacchi. Completano un naso complessissimo e di grande personalità un che di tabacco, di frutta secca (nocciola, noce di pecan) e caramella al rabarbaro. Se si aggiunge acqua diventa ancora più tabaccoso e speziato, ma anche più fruttato e succoso. Naso da sogno, insomma.

P: che botta! la gradazione qui si sente, il corpo è pastosissimo e denso. Il senso di carne e brodo è quasi inesistente ma, restando in cucina, troviamo pesanti note pepate e di peperoncino. Contrariamente a quanto immaginavamo dal naso la dolcezza non è così spinta, anzi è un whisky dagli spigoli delicati, maltoso, quasi vegetale, con un filo di cera e di burro fresco fantastici. Ritroviamo la carruba e poi zuppa inglese, tante arance rosse, caramello, mele cotte e zucchero di canna. Infine una nota amaricante di legno e di tabacco da sigaro. Consigliamo vivamente l’aggiunta di acqua per renderlo più succoso e abbordabile, e spostare il peperoncino dall’attacco alla chiusa del palato.

F: ancora molto complesso e variegato: si va dal caramello alle prugne e mele cotte. Carruba, noce di pecan, caffelatte zuccherato ma anche noce moscata, peperoncino e un velo di cera.

Sicuramente questo Ben Nevis è uno dei whisky più stimolanti assaggiati negli ultimi mesi. Complesso e cangiante durante la degustazione, va sicuramente annoverato nella categoria dei malti ‘sfidanti’: provi a comprenderli ma loro sono già un passo avanti ai tuoi miseri sensi umani. Comunque, azzardando un giudizio complessivo, il naso, sofisticatissimo, era sicuramente sopra i 90 punti, mentre il palato propone un copione inaspettato e molto suggestivo, forse solo con un filo di legno di troppo. Il finale merita una menzione particolare ancora per la grande ampiezza di suggestioni. Il conto di tutto questo fatuo argomentare fa un bel totale di 89/100.

Sottofondo musicale consigliato: Soley – I’ll drown

Glen Elgin 23 yo (1991/2014, Wilson&Morgan, 50%)

L’italianissimo imbottigliatore Wilson & Morgan ha nelle sue disponibilità molte botti di Marsala, che sovente utilizza per far maturare (più spesso, per ‘finire’) alcuni whisky che gli capitano tra le mani: questa volta è il turno di un single cask di Glen Elgin, distilleria dello Speyside poco conosciuta ma in grado di sfornare vere e proprie perle. Si tratta di un nettare distillato nel 1991 e messo in bottiglia l’anno scorso; non sappiamo quanto sia durato il finishing in Marsala, ma di certo sappiamo che si trattava di un Marsala secco.

238N: l’interazione tra il distillato e il finale in Marsala, i cui aromi qui si dispiegano ancora potenti, danno luogo a un profilo bizzarro: sentiamo note di carruba, di noce, ma anche di sedano (?!), liquirizia, rabarbaro. Insomma, un whisky ‘scuro’, qui e là mitigato (o se vogliamo ‘normalizzato’) dalla ‘dolcezza’ del caramello, di prugne cotte. Uvetta e pan di Spagna (…malaga?)

P: poco alcolico; lo scenario è il medesimo che al naso, però cambia la luce. Rimangono i guizzi particolari di carruba, liquirizia e sedano, e addirittura si innestano inattese suggestioni metalliche, appena accennate, e un’intensa tabaccata dolce (pipa). Tutto steso su un prato di una dolcezza molto, molto marcata, di… Marsala; e piovono uvette.

F: ancora tanta uvetta… colpisce come quelle note di sedano persistano ancora.

Il naso ci è parso davvero intrigante; il palato, a nostro gusto, eccede in una dolcezza a tratti un po’ troppo marcata, ma nel complesso si rivela un esperimento riuscito, impreziosito poi da note davvero inedite (sedano?), ma ben integrate. Il profilo, complice quella dolcezza così evidente, non è di quelli che ci fanno strappare i capelli, ma date le caratteristiche inusuali l’assaggio è senz’altro consigliato: 82/100.

Sottofondo musicale consigliato: Ministri – Spignere.

Caol Ila 30 yo (1984/2014, Wilson & Morgan, cask #3130, 54,6%)

Avevamo promesso un secondo Caol Ila ‘italiano’, ed eccolo qui: si tratta di una botte trentenne, la numero #3130; è un whisky nato un anno dopo di noi, imbottigliato da pochi mesi da Wilson&Morgan, prestigioso imbottigliatore trevigiano (e ricordiamo che ad aiutare il prode Fabio Rossi nella selezione c’è uno dei Malt Maniacs, Luca Chichizola…). Vediamo come si comporta questo prodotto della distilleria più prolifica di Islay… Il colore è paglierino.

Schermata 2014-12-22 alle 12.10.45N: subito molto meno piacione del Silver Seal, molto meno aperto, ma non certo per un difetto del distillato o un eccesso d’alcol, anzi. Qui sondiamo l’altra anima dei Caol Ila, quella più ‘oscura’: anche qui infatti c’è un lato dolce, rotondo, diciamo tra la pastafrolla, i biscotti ai cereali, il miele; ma è un lato che resta in sordina, come trattenuto nelle maglie di una isolanità molto pronunciata-seppure anch’essa delicata, nel complesso. Qui c’è molto più mare, si sente lo iodio, si trovano note di olive, di salamoia, molto molto chiare. Poi una coltre di fumo di diesel, ma non di bocciato… È un fumo deciso ma spento, molto più, come effetto, tipo formaggio affumicato. L’acqua rende tutto più espressivo, soprattutto palesa una bella dolcezza vanigliato e zuccherina.

P: ha una parabola ondulata: può essere ondulata, una parabola? Boh. Comunque, attacca deciso sul sale e sul marino, con una torba ancora nervosa; poi, c’è una botta dolce, tra la vaniglia, lo zucchero di canna, le mele disidratate. Ci sono, qui e là, emersioni erbacee, mentolate, forse d’eucalipto. Formaggio dolce (emmenthal). Qualcosa di bruciato. Anche qui, l’acqua porta il tutto su territori molto più dolci e vanigliosi: crema caramella?
a
F: molto fresco e vegetale, da un lato; ma dall’altro registriamo anche la rivincita della torba (gomma bruciata, fumo acre), e un solo puntino zuccherino.
a
Come abbiamo già detto, si tratta di un’anima diversa rispetto al Caol Ila di Silver Seal: la botte è senz’altro meno attiva, e il distillato risalta nella sua pulita marinità e nella sua lucente torbatura, ancora vivissime nonostante le tre decadi in botte. Con Caol Ila non si sbaglia, mai; e neppure con Wilson & Morgan, pare! 89/100 e applausi da parte nostra.
a
Sottofondo musicale consigliato: Divine comedy – Becoming more like Alfie.

Clynelish 1995 ‘Port finish ‘(2010, Wilson & Morgan, 46%)

Dopo il Tobermory controverso di venerdì scorso, abbiamo deciso di assaggiare un’altra espressione selezionata e imbottigliata dal prode Wilson & Morgan, italianissimo spacciatore di malti e rum; generalmente ci ha sempre abituato molto bene, e dunque restare con l’amaro in bocca per quel Tobermory proprio non ci piaceva… Proviamo dunque una bottiglia potenzialmente controversa: vale a dire un Clynelish, cioè distilleria che amiamo tanto e che tipicamente produce un distillato perfetto anche quando è più nudo; dicevamo un Clynelish però finito in botti ex-Porto. Quel che si dice dei wine-finish ormai si sa, e si sa anche che 1. i finish in Porto possono essere tragicomici 2. l’unico altro Clynelish finito in vino che abbiamo assaggiato era buono, sì, ma non buonissimo… Come si comporterà questo amico? (noterella: la foto è del Clynelish 1995/2010 sherry finish, non Port finish… ma quella giusta non l’abbiamo trovata, ahinoi!)

106550419.clynelish-sherry-finish-1995-2010-wilson-morgan-0-7-l-46N: spicca la nota vinosa e un po’ stucchevole del Porto, che abbiamo imparato a riconoscere in note di caramelle gelée, di marmellata di fragole… Ma sotto, si muove indomito un distillato che conferma la qualità della distilleria: ecco l’anima lievemente torbata, vegetale, mielosa, si sente perfino il minerale! E questa nota quasi di fumo, è vera o ce la stiamo sognando? Il malto c’è, in versione apparentemente ancora giovincella (molto cerealoso). Erba fresca. Una bella spruzzata agrumata (fiori d’arancio). Non semplice né straordinariamente complesso, ma proprio piacevole.

P: masticabile e pieno. Non è un palato travolgente, né procede a fiammate, resta anzi costante e omogeneo, di buona intensità. Idem come al naso, con anche begli accenni di cera e un fumo un po’ più evidente, anche se garbatissimo. Poi note di miele, di toffee, poi di malto e ancora erbacee; il tutto è ben fuso assieme a quel dolciastro (a tratti sciropposo, se ci intendiamo: e se non ci intendiamo, beh, intendiamoci) vinoso, tra gelée alla fragola e marmellatone. Che bel bilanciamento. Una nota cioccolatosa, mentre l’agrume retrocede un po’.

F: non lunghissimo, ma che eleganza: si richiude sul vegetale, sul malto, e sul cioccolato amaro. Ancora cera e torba fanno un gradito ritorno sulle scene del nostro cavo orale. Emersioni dolciastre, soprattutto dopo un po’… Ma è il Porto, bellezza!

Poche cose, ma chiare: equilibrato, dolce ma non troppo; il vino non si fa pregare e si sente bene in evidenza, ma senza diventare preponderante e senza coprire eccessivamente l’anima del distillato (l’unico appunto è che forse pare più giovane della sua età…), che anzi pare bella squadernata. Si può squadernare un’anima? Forse no, ma a noi checcefrega? 86/100 è il giudizio, e segnaliamo che costava attorno alle 45 euro.

Sottofondo musicale consigliato:Lianne La Havas – Elusive