Highland Park 18 yo (OB, 43%)

Questo whisky, proveniente dalla distilleria situata più a Nord della Scozia, sulle isole Orcadi, è un esempio magistrale di bilanciamento e complessità, e rappresenta nel portfolio della distilleria la sintesi perfetta tra gioventù (12 e 15 anni) e maturità (25, 30 e 40 anni).

N: a un primo approccio c’è di tutto e di più. Si sente la (solita) pera e un che di acidino, oscillante tra l’agrumato e la mela verde. Piacevolissime le note di toffee e burro. Dopo qualche minuto di ossigenazione si scatena un putiferio olfattivo: frutta secca, soprattutto, frutta matura, che in qualche modo richiama gli odori dei grandi pasti familiari, con il centrotavola imbandito di frutta profumata.

P: compaiono in prima istanza le note acide e fruttate, con prevalenza di sherry e ancora frutta secca. Emerge poi un sapore delizioso di legno di botte che accompagna una lieve affumicatura e una torba molto delicata. Va detto, e non come critica, che al palato sembra essere meno dolce di quanto lasci immaginare il naso, per quanto una nota di miele emerga qua e là. In generale questo Higland Park tende a seccare la bocca verso il finish e la gamma dei sapori sembra esaurirsi in fretta a vantaggio di una legnosità e una torbatura raramente così armoniche e godibili.

F: è di media durata e intensità e proprio mentre si rimane coccolati da un sottofondo di toffee e dalla persistenza di legno affumicato (liquirizia, a tratti), questo malto regala un’ultima sorpresa: un che di salato sulle labbra, una sensazione accennata, forse una suggestione proveniente direttamente dal profondo Nord oceanico.

L’apporto delle botti di sherry (accuratamente selezionate: la distilleria spende circa 10 milioni di sterline all’anno per la selezione del legno…), pur essendo molto delicato, è decisivo e rende questo malto davvero saporito. Le note intense e persistenti che i 18 anni di invecchiamento conferiscono al distillato sono impreziosite dal carattere isolano del whisky: lieve affumicatura e sensazioni marine. La leggera torbatura che si sente negli Highland Park è poi del tutto peculiare, dato che sull’isola non crescono alberi dal Neolitico (così almeno ci dice la preziosissima malt whisky yearbook). Anche per l’ottimo rapporto qualità/prezzo (siamo tra i 50 e i 60 euro), questo Highland Park è tra i must have di chiunque voglia costruire una cantina di whisky, piccola o grande che sia; risulta infatti difficile, opinione personalissima ça va sans dire, arrivare a stancarsene, grazie ai mille spilli da cui si è punzecchiati durante la degustazione. 88/100 è la nostra sentenza; se volete opinioni di altri, potete provare qui (Serge) o qui (Ruben).

Sottofondo musicale consigliato: The knife Pass this on, dall’album Deep Cuts.

Annunci

4 thoughts on “Highland Park 18 yo (OB, 43%)

  1. Pingback: Degustazione Highland Park | whiskyfacile

  2. Pingback: Highland Park 12 yo – 15 yo | whiskyfacile

  3. Pingback: Highland Park Whisky Tasting – 20.03.2016 | whiskyfacile

  4. Pingback: Highland Park | whiskyfacile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...